Diamanti da investimento e loro caratteristiche.

Come riconoscere la bellezza oggettiva dei diamanti da investimento?

6-Gemstones-That-Can-Be-Used-As-Substitutes-For-Diamond

Oggi, finalmente, tutti possono conoscere e riconoscere il valore dei diamanti, un tempo esclusiva di pochi sapienti esperti. Investire in diamanti consapevolmente è possibile grazie al certificato che accompagna ogni diamante, una vera e propria carta d’identità della gemma. Il certificato risponde con certezza assoluta alla domanda “Quanto è raro (quindi prezioso) questo diamante?” e la risposta non lascia spazio all’interpretazione: valori definiti, sigle e lettere determinano il valore della pietra a livello mondiale. Taglio, simmetria, politura, colore, purezza e peso sono i fattori presi in considerazione e certificati da uno dei 3 istituti gemmologici accettati dai mercati internazionali (HRD e IGI di Anversa e GIA di New York) che pone la sua firma nel certificato a mo’ di garanzia.

Le 4 C.

Carati (Carat weight), colore (Color), purezza (Clarity) e taglio (Cut) sono le 4 C che determinano il valore di un diamante.

Carati.

Trattandosi di una misura di peso (0,02 grammi), maggiore è il valore dei carati più raro e di valore è un diamante. Importante è non lasciarsi ingannare dalle dimensioni poiché tra carati e diametro della pietra non c’è proporzionalità diretta: se un diamante da 0,10 carati ha un diametro di 3 millimetri, uno da 2 carati e mezzo ha un diametro di 9 millimetri.

Un diamante da investimento ha normalmente un peso compreso tra 0,50 e 2,00 carati.

Colore.

Quando si parla di “qualità del colore di un diamante” si allude alla sua trasparenza (quindi l’assenza di colore). Più un diamante è puro, più bianco (quindi trasparente) questo apparirà. La scala va dal Bianco eccezionale al Colorito:

  • D = Bianco eccezionale +
  • E = Bianco eccezionale
  • F = Bianco extra +
  • G = Bianco extra
  • H = Bianco
  • I-J = Bianco sfumato
  • K-L = Leggermente colorito
  • M-Z = Colorito

Un diamante da investimento ha colore D, E, F o G.

Purezza.

Come è intuibile, più perfetto è un diamante più risulterà puro, cioè privo di imperfezioni o inclusioni (tracce di carbonio o altri cristalli). Ogni sigla ha un suo significato e indica un differente grado di purezza:

  • IF (Internal Flawless), assenza di inclusioni visibili con lente a 10 ingrandimenti;
  • VVS1 – VVS2 (Very Very Small inclusions), inclusioni piccolissime, visibili con difficoltà con lente a 10 ingrandimenti;
  • VS1 – VS2 (Very Small inclusions), inclusioni piccole, visibili con lente a 10 ingrandimenti;
  • SI1 – SI2 – SI3 (Small inclusions), inclusioni piccole, visibili facilmente con lente a 10 ingrandimenti;
  • P1 – P2 – P3 (Piqué) numerose e/o evidenti inclusioni visibili già a occhio nudo;

Un diamante da investimento deve avere purezza IF oppure, per il certificato RDC (Rapaport Investment Diamond Certificate), le specifiche RAPAPORT.

[]
1 Step 1

Contattaci

Nomeyour full name
Telefono
Messaggiomore details
0 / 500
Previous
Next

Taglio.

La forma è il fattore più immediatamente percepibile di un diamante, soprattutto quando si parla di gioielleria. Chi invece guarda ai diamanti come un investimento si concentra sulla qualità del taglio, solitamente “brillante”, quindi sulla capacità  di ricevere la luce all’interno e di rifletterla interamente verso chi osserva. Attraverso questo criterio si distingue tra:

  • excellent;
  • very good;
  • good;
  • poor o fair;

A concorrere alla Qualità del taglio sono simmetria e politura. La simmetria è data dalla posizione e coincidenza degli angoli delle faccette, dell’apice, della tavola e della cintura, mentre la politura è il processo attraverso cui le faccette del diamante sono rese lisce e piane. In pratica, la miglior politura è quella che rende più pulito, ovvero senza righe, quindi più brillante, il diamante.

Un diamante da investimento ha un taglio excellent o very good.

Assenza di fluorescenza.

Oltre a purezza, colore, taglio, carati, sul certificato di un diamante da investimento è certificata l’assenza di fluorescenza. Il grado di fluorescenza è definito dall’intensità dell’emissione luminescente di un diamante sottoposto a una sorgente di raggi UV con lunghezza d’onda di 365 nm.

Continua la lettura attraverso il menu principale o cliccando sui link testuali che trovi in questa pagina, oppure se desideri informazioni su misura e vuoi valutare immediatamente il tuo investimento in diamanti, puoi contattare telefonicamente BDC al +39 0287188751 o via mail info@bdcsrl.com